modelli e strategie decisionali
OncologiaMedica.net
Mediexplorer
OncoGinecologia.net

Infezione da virus Ebola: ZMapp e candidati vaccini


Un focolaio di malattia da virus Ebola sta interessando l’Africa occidentale, causando più di 1200 morti da quando il virus è emerso in Guinea nei primi mesi del 2014.
L’epidemia ha dapprima interessato la Guinea, la Liberia e la Sierra Leone, ed ora si sta diffondendo in Nigeria ( il Paese più popoloso dell'Africa ).
Recentemente due operatori sanitari statunitensi si sono infettati con il virus Ebola, e sono stati trasferiti negli Stati Uniti.

L’infezione da virus Ebola fu originariamente identificata nel 1976 a Yambuku nello Zaire ( ora Repubblica Democratica del Congo ) e a Nzara nella parte Sud del Sudan.
Ebola è un virus a RNA della famiglia dei filovirus, e ha preso il nome da un fiume dello Zaire.
Ebola comprende cinque specie distinte: Zaire Ebolavirus, Bundibugyo Ebolavirus, Tai Forest Ebolavirus, Sudan Ebolavirus, e Reston Ebolavirus.

Il ceppo attualmente in circolazione in Africa occidentale presenta una omologia del 97% con Zaire Ebolavirus.
Questo ceppo è associato alla più alta mortalità ( 90% ), anche se il tasso di mortalità stimato nell’attuale focolaio è inferiore al 60% .

Il focolaio è con molta probabilità ha un serbatoio animale, e il serbatoio più probabile sembra essere un pipistrello della frutta, anche se questo collegamento non è stato confermato.
Il virus verrebbe trasmesso agli esseri umani attraverso il contatto diretto con tessuti o liquidi corporei di un animale infetto.
In particolare, il virus Ebola è un patogeno zoonotico, e la sua diffusione tra gli esseri umani è un evento raro, il che spiega la natura intermittente e imprevedibile dei focolai. Infatti, anche se il virus ha causato più di 20 focolai da quando è stato identificato nel 1976, si ritiene abbia causato meno di 1600 morti prima del 2014.
Nella maggior parte dei casi, il virus è emerso in aree geograficamente limitate, rurali, e le epidemie sono state contenute attraverso misure di routine di salute pubblica quali l'identificazione dei casi, ricerca dei contatti, isolamento del paziente, e la quarantena per spezzare la catena di trasmissione del virus.

Ora l’epidemia ha assunto proporzioni più vaste, e a differenza del passato si è trasferita anche nelle città, rendendo difficile il tracciamento dei contatti.

Le caratteristiche del virus stesso ne limitano la diffusione. Numerosi studi hanno indicato che per la trasmissione del virus sia necessario il contatto diretto con i liquidi corporei infetti, di solito feci, vomito, o sangue; il virus non si trasmette da persona a persona attraverso l'aria o per contatto casuale.

Riconoscere i segni della infezione da virus Ebola può essere impegnativo dal momento che i primi sintomi sono aspecifici.
Il periodo di incubazione dura in genere da 5 a 7 giorni, anche se può variare dai 2 ai 21 giorni.
I campioni di sangue di solito iniziano a dare positività alla PCR il giorno prima della comparsa dei sintomi.
I sintomi tipici comprendono febbre, profonda debolezza, e diarrea; è stato descritto anche un rash maculopapulare. Inoltre compaiono anomalie di laboratorio, tra cui elevati livelli di aminotransferasi, marcata linfocitopenia, e trombocitopenia. Complicanze emorragiche si verificano in meno della metà delle persone infette, e i gravi sanguinamenti sono relativamente rari.

Misure di sanità pubblica come l'isolamento precoce e il controllo delle infezioni sono critici. Inoltre deve essere somministrata terapia di supporto in forma aggressiva.

Notevole attenzione è stata dedicata alle terapie e ai vaccini, ancora sperimentali. Tra le terapie in sviluppo, ZMapp è un cocktail di anticorpi murini umanizzati, che ha mostrato risultati promettenti in primati non-umani.
ZMapp è stato somministrato a due cittadini statunitensi che sono stati trasportati dalla Liberia negli Stati Uniti ad Atlanta; entrambi i pazienti sono andati incontro a un miglioramento clinico. Tuttavia, non è chiaro se ZMapp sia responsabile di questo miglioramento, e con solo due casi, le conclusioni riguardo all’efficacia della terapia immunologica sono premature. Inoltre, la fornitura di ZMapp rimane limitata a poche dosi, e la produzione su ampia scala richiederà del tempo.

Altre terapie sperimentali comprendono: inibitori della RNA-polimerasi e nanoparticelle di RNA interferente.

E’anche in corso la valutazione preclinica di vari vaccini, e si prevede che un candidato vaccino sviluppato presso il National Institutes of Health ( NIH ) entrerà in fase 1 alla fine del 2014. Questo vaccino, che ha come vettore l’adenovirus, comprende due geni di Ebola che codificano per glicoproteine.
Altri due candidati vaccini consistono di pseudotipi del virus della stomatite vescicolare ( VSV ). La sperimentazione clinica umana di uno di questi vaccini dovrebbe iniziare nei primi mesi del 2015. ( Xagena2012 )

Fonte: Fauci AS, NEJM 2014; DOI: 10.1056/NEJMp1409494

Inf2014



Indietro