OncoGinecologia.net
Neurologia
Gastroenterologia.net
OncologiaMedica.net

Profilazione immunologica della sindrome infiammatoria da ricostituzione immunitaria associata a tubercolosi e decesso non-IRIS negli adulti affetti da HIV con tubercolosi polmonare durante terapia antiretrovirale


I pazienti co-infettati con virus HIV e tubercolosi sono a rischio di sindrome infiammatoria da immunoricostituzione ( IRIS ) associata a tubercolosi e morte poco dopo l'inizio della terapia antiretrovirale ( ART ).

IRIS associata a tubercolosi è stata collegata a un recupero più rapido di risposte immunitarie cellulari dopo l’inizio della terapia antiretrovirale e a mortalità precoce con più lento recupero di queste risposte.

Uno studio ha valutato se i pazienti che hanno questi esiti abbiano profili immunologici distinti prima e dopo l'inizio di terapia antiretrovirale.

Lo studio prospettico di coorte presso 22 cliniche pubbliche e il principale ospedale pubblico a Gaborone, Botswana ( Africa ), ha coinvolto adulti naive alla terapia antiretrovirale, di età a partire da 21 anni con HIV in fase avanzata ( cellule CD4 inferiori o uguali a 125 per mcl ) e tubercolosi polmonare.

Sono stati ottenuti i dati per le variabili cliniche e per i livelli di 29 biomarcatori plasmatici, quantificati mediante test Luminex.

I pazienti sono stati classificati con IRIS associata a tubercolosi, mortalità precoce, o sopravvivenza senza una diagnosi di IRIS associata a tubercolosi ( controlli ), sulla base dei risultati registrati 6 mesi dopo l'inizio della terapia antiretrovirale.
È stata valutata l'associazione tra variabili misurate prima e 4 settimane dopo l’inizio della terapia antiretrovirale con la mortalità e IRIS associata a tubercolosi, rispetto ai controlli.

Tra il 2009 e il 2013 sono stati arruolati 201 partecipanti. 31 pazienti ( 15% ) hanno lasciato lo studio prima dell'inizio della terapia antiretrovirale, lasciando 170 pazienti ( 85% ) per l'analisi.

I pazienti con IRIS associata a tubercolosi avevano ridotte concentrazioni pre-ART di diversi biomarcatori pro-infiammatori, tra cui interleuchina-6 [ IL-6 ] ( odds ratio, OR aggiustato per incremento 1 log10 0.40 ).

Tuttavia, i pazienti con morte precoce avevano un aumento delle concentrazioni di biomarcatori infiammatori pre-ART, tra cui proteina-1 chemotattica per i monociti ( OR aggiustato 9.0 ) e fattore di necrosi tumorale alfa TNF-alfa ( 7.8 ).

Alla settimana 4 dopo l’inizio della terapia antiretrovirale, IRIS associata a tubercolosi è stata indipendentemente associata a un maggiore aumento di diversi biomarcatori infiammatori, tra cui IL-6 ( OR aggiustato 1.7 ) e TNF-alfa ( 1.5 ) rispetto ai controlli.

La morte è stata anche associata a un maggiore aumento dei marcatori di infiammazione sistemica, tra cui fattore stimolante le colonie di granulociti ( OR aggiustato 2.8 ), IL-12p40 ( 1.8 ) e IL-15 ( 2.0 ) rispetto ai controlli.

Tuttavia, i cambiamenti nella conta di cellule CD4 durante terapia antiretrovirale, che erano simili tra i controlli e i pazienti con IRIS associata a tubercolosi ( P=0.45 ), erano sostanzialmente inferiori nei pazienti deceduti ( P=0.006 ).

Distinti profili immunologici prima e dopo l'inizio della terapia antiretrovirale caratterizzano i pazienti con infezione in fase avanzata da HIV e tubercolosi che presentano IRIS associata a tubercolosi e che muoiono.
Gli interventi che fanno diminuire l'infiammazione e promuovono il recupero immunitario cellulare durante terapia antiretrovirale devono essere considerati nei pazienti che presentano contemporaneamente infezione da HIV e tubercolosi. ( Xagena2015 )

Ravimohan S et al, Lancet 2015; 15: 429-438

Inf2015 Farma2015


Indietro