GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Effetto della Idrossiclorochina sulla attivazione immunitaria e progressione della malattia in pazienti con infezione da HIV non sottoposti a terapia antiretrovirale


Le terapie per ridurre l’attivazione immunitaria potrebbero essere di aiuto nel rallentare la progressione della malattia nel caso di infezione da virus HIV ( virus dell'immunodeficienza umana ).

È stato condotto uno studio per determinare se la Idrossiclorochina ( Plaquenil ) fosse in grado di diminuire l’attivazione immunitaria e rallentare il declino delle cellule CD4.

Lo studio randomizzato, in doppio-cieco, placebo-controllato è stato condotto in 10 Centri ambulatoriali specializzati nelle infezioni da HIV nel Regno Unito nel periodo 2008-2011.

Gli 83 pazienti arruolati mostravano infezione asintomatica da virus HIV, non erano in trattamento con terapia antiretrovirale e avevano una conta di cellule CD4 superiore a 400 cellule/microL.

I pazienti sono stati assegnati a Idrossiclorochina, 400 mg, o placebo una volta al giorno per 48 settimane.

La misura di esito primaria era il cambiamento nella proporzione di cellule CD8 attivate ( misurate dall’espressione di marcatori di superficie CD38 e HLA-DR ); gli esiti secondari erano la conta di cellule CD4 e la carica virale di HIV.

Le analisi sono state condotte per intention-to-treat.

Non è stata osservata una differenza significativa nell’attivazione delle cellule CD8 tra i 2 gruppi ( -4.8% e -4.2% nel gruppo Idrossiclorochina e gruppo placebo, rispettivamente, alla settimana 48; differenza, -0.6%; P=0.80 ).

La diminuzione nella conta di cellule CD4 è risultata maggiore nel gruppo Idrossiclorochina che nel gruppo placebo ( -85 vs -23 cellule/microL alla settimana 48; differenza, -62 cellule/microL; P=0.03 ).

La carica virale è aumentata nel gruppo Idrossiclorochina rispetto al gruppo placebo ( 0.61 vs 0.23 log10 copie/mL alla settimana 48; differenza, 0.38 log10 copie/mL; P=0.003 ).

La terapia antiretrovirale è stata iniziata da 9 pazienti nel gruppo Idrossiclorochina e 1 in quello placebo.

Il farmaco in studio è risultato ben tollerato, ma una proporzione superiore di pazienti ha mostrato disturbo simile a influenza nel gruppo Idrossiclorochina rispetto al gruppo placebo ( 29% vs 10%; P=0.03 ).

In conclusione, nei pazienti con infezione da virus HIV non sottoposti a terapia antiretrovirale, l’uso di Idrossiclorochina, rispetto a placebo, non ha ridotto l’attivazione di cellule CD8 ma ha portato a un maggior declino nella conta di cellule CD4 e ha aumentato la replicazione del virus. ( Xagena2012 )

Paton NI et al, JAMA 2012; 308: 353-361


Inf2012 Farma2012


Indietro