Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Efficacia comparativa dei trattamenti antivirali per il virus della epatite C negli adulti


Sono disponibili molteplici trattamenti per l'infezione cronica da virus dell'epatite C ( HCV ).
Una revisione sistematica ha messo a confronto i benefici e i rischi della terapie antivirali per infezione da HCV cronica negli adulti naive al trattamento.

Sono stati selezionati gli studi randomizzati di trattamenti antivirali e gli studi di coorte che hanno esaminato le associazioni tra risposta virologica sostenuta ( SVR ) dopo la terapia e gli esiti clinici.
Nessuno studio ha valutato l'efficacia del trattamento sugli esiti clinici a lungo termine.

La duplice terapia con Interferone pegilato alfa-2b ( PegIntron ) e Ribavirina ( Rebetol ) è stata associata a una minore probabilità di risposta virologica sostenuta rispetto all’Interferone pegilato alfa-2a ( Pegasys ) più Ribavirina ( Copegus ) ( differenza assoluta, 8 punti percentuali ), sulla base di 7 studi di qualità da scarsa a buona.

Per l’infezione da genotipo 2 o 3, la doppia terapia da 12 a 16 settimane è risultata associata a una minore probabilità di risposta virologica sostenuta rispetto alla terapia per 24 settimane, e basse dosi di PegInterferone alfa-2b sono state meno efficaci di dosi standard ( 2-4 studi di buona qualità ).

Per l’infezione da genotipo 1, studi di buona qualità hanno dimostrato che la triplice terapia con Interferone pegilato, Ribavirina e Boceprevir [ Victrelis ] ( 2 studi ) o Telaprevir [ Incivek, Incivo ] ( 4 studi ) è risultata associata a una maggiore probabilità di risposta virologica sostenuta rispetto alla duplice terapia ( differenza assoluta, 22-31 punti percentuali ).

Rispetto alla duplice terapia, la triplice terapia con Boceprevir ha aumentato il rischio di eventi avversi ematologici e la triplice terapia con Telaprevir ha aumentato il rischio di anemia e rash.

Un ampio studio di coorte ben progettato e 18 studi di coorte più piccoli hanno trovato che una risposta virologica sostenuta dopo terapia antivirale era associata a un minor rischio di mortalità per qualsiasi causa rispetto a nessuna risposta virologica sostenuta.

In conclusione, i tassi di risposta virologica sostenuta per il genotipo 1 sono più alti con la terapia tripla che include un inibitore della proteasi, rispetto alla doppia terapia standard.
Una risposta virologica sostenuta dopo terapia antivirale sembra associata a esiti clinici migliori. ( Xagena2013 )

Chou R et al, Ann Intern Med 2013; 158: 114-123

Inf2013 Gastro2013 Farma2013


Indietro