Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Farmaexplorer.it

La terapia antiretrovirale contrasta l'infezione da HPV e il tumore alla cervice nelle donne con infezione da HIV


Una meta-analisi ha mostrato che le donne con infezione da HIV ( virus dell'immunodeficienza umana ) in terapia antiretrovirale ( ART ) avevano una più bassa prevalenza di infezione da HPV ( papillomavirus umano ) ad alto rischio, lesioni cervicali di alto grado e cancro invasivo alla cervice rispetto alle donne non-sottoposte a terapia antiretrovirale.

Questa scoperta ha evidenziato l'importanza di iniziare precocemente la terapia antiretrovirale ( prima di raggiungere una bassa conta di cellule CD4 al nadir ) e l'efficacia sostenuta, come mostrato dalla durata, dall'elevata aderenza, dal controllo virologico e dal recupero delle cellule CD4, nel controllo dell'infezione da HPV e della progressione della malattia cervicale.

Le donne con infezione da HIV hanno una maggiore prevalenza di infezione da HPV ad alto rischio rispetto alla popolazione generale e hanno maggiori probabilità di avere infezioni persistenti e progressione delle lesioni della neoplasia intraepiteliale cervicale.
Tuttavia, l'impatto della terapia antiretrovirale sulla infezione da HPV e sul cancro alla cervice non è ben definito.

Una meta-analisi ha valutato l'effetto della terapia antiretrovirale sulla infezione da HPV ad alto rischio, sugli esiti della lesione cervicale di alto grado e sul cancro cervicale invasivo.
L' analisi comprendeva studi cross-sezionali e di coorte pubblicati tra il 1° gennaio 1996 e il 6 maggio 2017.
Tra gli studi, 31 hanno esaminato l'associazione tra terapia antiretrovirale e HPV ad alto rischio ( 6.537 donne con HIV ) e la neoplasia intraepiteliale cervicale di grado 2 o superiore ( CIN2+ ) o lesioni intraepiteliali squamose di alto grado [ HSIL+ ] ( 9.288 donne con HIV ); 17 hanno esaminato l'effetto della terapia antiretrovirale sui risultati longitudinali della lesione cervicale ( 6.864 donne con HIV ); e tre hanno esaminato l'effetto della terapia antiretrovirale sull'incidenza di cancro invasivo alla cervice ( 15.826 donne con HIV ).

Dopo aggiustamento per il conteggio delle cellule CD4 e per la durata della terapia antiretrovirale, è stato scoperto che le donne che ricevevano terapia antiretrovirale avevano meno probabilità di avere infezione da HPV ad alto rischio ( odds ratio, OR=0.83, 95% CI, 0.7-0.99 ) e cancro invasivo alla cervice ( hazard ratio crudo, HR= 0.40; 95% CI, 0.18-0.87 ) rispetto alle donne che non avevano ricevuto terapia antiretrovirale.

Inoltre, la terapia antiretrovirale è risultata associata a un ridotto rischio per HSIL-CIN2+ ( aOR=0.59, 95% CI, 0.4-0.87 ) e la progressione a lesioni intraepiteliali squamose ( HR corretto = 0.64; IC 95%, 0.54-0.75 ) e a una aumentata probabilità di regressione delle lesioni intraepiteliali squamose o neoplasia intraepiteliale della cervice ( aHR=1.54, IC 95%, 1.3-1.82 ).

L'attuale raccomandazione di incoraggiare un più precoce inizio della terapia antiretrovirale, associata al rapido controllo virologico e a una adesione sostenuta, potrebbe condurre a una ricostituzione immunitaria della mucosa più precoce e possibilmente più funzionale.
Questo dovrebbe portare a una clearance più rapida di HPV ad alto rischio, e in ultima analisi, ridurre l'incidenza del cancro alla cervice in questa popolazione ad alto rischio.

Oltre all'avvio precoce della terapia antiretrovirale, è stato raccomandato il frequente screening di HPV nelle donne con infezione da HIV. ( Xagena2017 )

Fonte: Lancet HIV, 2017

Onco2017 Inf2017 Farma2017


Indietro