Gsk Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Nevirapina, profilo di sicurezza


La Nevirapina ( Viramune ) è un inibitore non nucleosidico della trascrittasi inversa, che trova impiego nel trattamento dell’infezione causata dal virus dell’immunodeficienza umana ( HIV ).

Dopo assunzione di Nevirapina, in monoterapia si osserva una rapida insorgenza di resistenza virale. Pertanto la Nevirapina dovrebbe essere somministrata in combinazione con altri farmaci antivirali.

Il farmaco deve essere usato con cautela nei pazienti con epatopatia o nefropatia grave , perché è altamente metabolizzato a livello epatico ed i suoi metaboliti sono escreti per via renale.
La Nevirapina subisce metabolizzazione epatica ad opera di CYP3A4 e CYP2B6 , pertanto non deve essere assunta contemporaneamente a farmaci quali Ketoconazolo , Metadone , contraccettivi orali , Rifabutina , Rifampicina , erba di S. Giovanni ( Iperico).

Le prime 18 settimane di terapia con Nevirapina rappresentano un periodo critico durante il quale è richiesto uno stretto monitoraggio dei pazienti per l’individuazione di insorgenza di gravi reazioni epatiche e cutanee.

Grave epatotossicità (epatite colestatica, epatite fulminante, necrosi epatica, insufficienza epatica), anche fatale, è stata riportata nei pazienti che assumono la Nevirapina.
In alcuni casi , i pazienti presentano segni e sintomi non specifici (senso di stanchezza, malessere, anoressia, nausea ), in altri compaiono itterizia, epatomegalia con o senza , inizialmente , anomali livelli di transaminasi.
Questi eventi possono poi progredire in insufficienza epatica con innalzamento delle transaminasi, con o senza iperbilirubinemia , prolungato tempo di tromboplastina parziale ( PTT ) o eosinofilia.
Rash e febbre talora accompagnano queste reazioni epatiche.
I pazienti con segni o sintomi di epatite devono interrompere il prima possibile l’assunzione di Nevirapina.

Sono state anche riportate gravi reazioni avverse cutanee, tra cui alcuni casi fatali, soprattutto nelle pr ime 6 settimane di trattamento con Nevirapina.
Queste gravi reazioni avverse comprendono : Sindrome di Stevens-Johnson , necrolisi epidermica tossica e reazioni di ipersensibilità caratterizzate da rash.
I pazienti che sviluppano segni o sintomi di gravi reazioni cutanee op reazioni di ipersensibilità devono interrompere in modo permanente l’assunzione della Nevirapina.
Le donne sembrano avere un maggiore rischio di sviluppare rash dopo assunzione di Nevirapina rispetto agli uomini.
In uno studio clinico, l’impiego concomitante di Prednisone ( 40 mg/die per i primi 14 giorni di somministrazione della Nevirapina ) è risultato associato ad una aumentata incidenza e gravità di rash.
Pertanto non è raccomandato l’uso del Prednisone per prevenire il rash associato alla Nevirapina.

L’MMWR ( Morbidity and Mortality Weekly Report ) dei Centers for Disease Control and Prevention ( CDC ) di Atlanta nel gennaio 2001 ha pubblicato un rapporto sui gravi eventi avversi attribuiti alla Nevirapina nella profilassi post-esposizione all’HIV ( PEP ).

Nel periodo marzo 1997- settembre 2000, l’FDA ha ricevuto 22 casi di gravi reazioni avverse associate alla Nevirapina.
Questi 22 eventi comprendevano: epatotossicità (12) , reazioni cutanee (14) , rabdomiolisi (1) ; in 4 casi l’epatotossicità era associata a reazione cutanea , mentre in 1 caso la reazione cutanea era associata a rabdomiolisi.

L’età media delle persone colpite era di 36,5 anni ( range: 12-50 ).

Tra le 12 persone che hanno manifestato epatotossicità dopo assunzione di Nevirapina, una ha sviluppato insufficienza epatica ed ha richiesto trapianto di fegato. ( Xagena2003 )

Fonti:
- National Library of Medicine ( NIH )
- FDA
- CDC / MMWR



Inf2003 Farma2003


Indietro