Sinusite
Sinusiti Mascellari Odontogene
GSK Infettivologia
Forum Infettivologico

Paxlovid, un nuovo antivirale orale per il trattamento del COVID-19 ha ridotto il rischio di ospedalizzazione o di mortalità dell'89% nell'analisi ad interim dello studio di fase 2/3 EPIC-HR


Pfizer ha annunciato che il suo nuovo candidato antivirale orale per il COVID-19, Paxlovid, ha ridotto in modo significativo il ricovero e la mortalità, sulla base di un'analisi ad interim di EPIC-HR di fase 2/3 ( Evaluation of Protease Inhibition for COVID-19 in High-Risk Patients ), uno studio randomizzato in doppio cieco su pazienti adulti non-ospedalizzati con COVID-19, che sono ad alto rischio di progredire verso la forma grave di malattia.

L'analisi ad interim programmata ha mostrato una riduzione dell'89% del rischio di ospedalizzazione o morte per qualsiasi causa correlata al COVID-19 rispetto al placebo nei pazienti trattati entro tre giorni dall'insorgenza dei sintomi ( endpoint primario ); lo 0.8% dei pazienti che hanno ricevuto Paxlovid è stato ricoverato fino al giorno 28 successivo alla randomizzazione ( 3/389 ospedalizzati senza decessi ), contro il 7.0% dei pazienti a cui è stato somministrato placebo e sono stati ospedalizzati o sono deceduti ( 27/385 ospedalizzati con successivi 7 decessi ).
La significatività statistica di questi risultati è stata alta ( p inferiore a 0.0001 ).

Riduzioni simili di ospedalizzazione o decesso correlati al COVID-19 sono state osservate nei pazienti trattati entro 5 giorni dall'insorgenza dei sintomi; l'1.0% dei pazienti che hanno ricevuto Paxlovid è stato ricoverato fino al giorno 28 successivo alla randomizzazione ( 6/607 ricoverati, senza decessi ), rispetto al 6.7% dei pazienti che hanno ricevuto un placebo ( 41/612 ricoverati con 10 decessi successivi ), con un'elevata significatività statistica ( p inferiore a 0.0001 ).

Nella popolazione complessiva dello studio fino al giorno 28, non sono stati segnalati decessi nei pazienti che hanno ricevuto Paxlovid rispetto a 10 ( 1.6% ) decessi nei pazienti che hanno ricevuto placebo.

Paxlovid è una terapia antivirale sperimentale con inibitore della proteasi SARS-CoV-2, specificamente progettata per essere somministrata per via orale in modo che possa essere prescritta al primo segno di infezione o alla prima consapevolezza di una esposizione, potenzialmente aiutando i pazienti a evitare malattie gravi che possono portare a ricovero e morte.
Nirmatrelvir ( PF-07321332 ) agisce bloccando l'attività della proteasi SARS-CoV-2-3CL, un enzima di cui il coronavirus ha bisogno per replicarsi.
La co-somministrazione con una bassa dose di Ritonavir aiuta a rallentare il metabolismo di Nirmatrelvir in modo che rimanga attivo nell'organismo per periodi di tempo più lunghi a concentrazioni più elevate per aiutare a combattere il virus.
Nirmatrelvir inibisce la replicazione virale in una fase nota come proteolisi, che si verifica prima della replicazione dell'RNA virale.

Negli studi preclinici, Nirmatrelvir non ha dimostrato evidenza di interazioni mutagene con il DNA.

L' arruolamento dello studio di fase 2/3 EPIC-HR è iniziato nel luglio 2021. Gli studi di fase 2/3 EPIC-SR ( Evaluation of Protease Inhibition for COVID-19 in Standard-Risk Patients ) e EPIC-PEP ( Evaluation of Protease Inhibition for COVID-19 in Post-Exposure Prophylaxis ), iniziati rispettivamente nell'agosto e nel settembre 2021, non sono stati inclusi in questa analisi ad interim e sono in corso.

Analisi intermedia dello studio EPIC-HR di fase 2/3

L'analisi primaria del set di dati provvisori ha valutato i dati di 1219 adulti arruolati entro il 29 settembre 2021.
Al momento della decisione di interrompere il reclutamento dei pazienti, l'arruolamento era del 70% dei 3.000 pazienti pianificati provenienti dai Centri di sperimentazione clinica in Nord e Sud America, Europa, Africa e Asia, con il 45% dei pazienti negli Stati Uniti.
Gli individui arruolati avevano una diagnosi confermata in laboratorio di infezione da SARS-CoV-2 entro un periodo di 5 giorni con sintomi da lievi a moderati, e dovevano avere almeno una condizione medica caratteristica o sottostante associata a un aumentato rischio di sviluppare malattie gravi da COVID-19.
Ogni paziente è stato randomizzato, in un rapporto 1:1, a ricevere Paxlovid oppure placebo per via orale ogni 12 ore per 5 giorni.

Dati di sicurezza dello studio EPIC-HR di fase 2/3

La revisione dei dati di sicurezza ha incluso una coorte più ampia di 1881 pazienti nello studio EPIC-HR, i cui dati erano disponibili al momento dell'analisi.
Gli eventi avversi emergenti dal trattamento erano comparabili tra Paxlovid ( 19% ) e placebo ( 21 %); nella maggioranza dei casi erano di lieve intensità.
Tra i pazienti valutabili per gli eventi avversi emergenti dal trattamento, meno eventi avversi gravi ( 1.7% vs 6.6% ) e interruzione del farmaco in studio a causa di eventi avversi ( 2.1% vs 4.1% ) sono stati osservati nei pazienti trattati con Paxlovid rispetto al placebo, rispettivamente. ( Xagena2021 )

Fonte: Pfizer, 2021

Inf2021 Med2021 Farma2021


Indietro