Sinusite
Sinusiti Mascellari Odontogene
Forum Infettivologico
GSK Infettivologia

Pazienti ospedalizzati con COVID-2019: l'Aspirina è associata a diminuzione della ventilazione meccanica, ricovero in Unità di terapia intensiva e mortalità ospedaliera


La malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ) è associata a ipercoagulabilità e aumento del rischio trombotico nei pazienti critici.
Nessuno studio ha valutato se l'uso di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) è associato a un ridotto rischio di ventilazione meccanica, ricovero in Unità di terapia intensiva ( UTI ) e mortalità in ospedale.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo e osservazionale su pazienti adulti ricoverati con COVID-19 in più ospedali negli Stati Uniti tra marzo e luglio 2020.

L'outcome primario era la necessità di ventilazione meccanica. Gli esiti secondari erano il ricovero in terapia intensiva e la mortalità intraospedaliera.

Un totale di 412 pazienti sono stati inclusi nello studio. 314 pazienti ( 76.3% ) non avevano ricevuto Aspirina, mentre 98 pazienti ( 23.7% ) avevano ricevuto Aspirina entro 24 ore dal ricovero o 7 giorni prima del ricovero.

L'uso di Aspirina è risultato associato a una minore ventilazione meccanica ( 35.7% Aspirina vs 48.4% non-Aspirina, P = 0.03 ) e ricovero in terapia intensiva ( 38.8% Aspirina vs 51.0% non-Aspirina, P = 0.04 ), ma nessuna associazione con la mortalità ospedaliera ( 26.5% Aspirina versus 23.2% non-Aspirina, P = 0.51 ).

Dopo aggiustamento per otto variabili confondenti, l'uso di Aspirina è stato associato indipendentemente a un ridotto rischio di ventilazione meccanica ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.56, intervallo di confidenza [ IC ] 95%, 0.37-0.85, P = 0.007 ), ricovero in terapia intensiva ( aHR=0.57, IC 95%, 0.38-0.85, P = 0.005 ) e mortalità ospedaliera ( aHR=0.53, IC 95%, 0.31-0.90, P = 0.02 ).

Non ci sono state differenze di sanguinamento maggiore ( P = 0.69 ) o trombosi conclamata ( P = 0.82 ) tra utilizzatori di Aspirina e non-utilizzatori di Aspirina.

In conclusione, l'uso di Aspirina può essere associato a risultati migliori nei pazienti ospedalizzati con COVID-19.
Tuttavia, è necessario uno studio controllato e randomizzato sufficientemente potente per valutare se esiste una relazione causale tra l'uso di Aspirina e la riduzione del danno polmonare e della mortalità nei pazienti affetti da COVID-19. ( Xagena2021 )

Chow JH et al, Anesthesia & Analgesia 2021;132: 930-941

Inf2021 Med2021 Farma2021


Indietro