Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Studio BRIGHTE: efficacia di Fostemsavir nei pazienti multitrattati con infezione da HIV


Sono stati presentati i risultati dello studio di fase III BRIGHTE di Fostemsavir in pazienti con infezione HIV-1 multitrattati che avevano fallito più linee terapeutiche ( cosiddetti pazienti Highly Treatment Experienced, HTE ).

Dopo una settimana di trattamento, i pazienti HTE che hanno ricevuto Fostemsavir in aggiunta ai regimi rivelatisi fallimentari, hanno mostrato una riduzione significativamente più elevata della carica virale in confronto ai pazienti trattati con placebo, dimostrando la superiorità di Fostemsavir rispetto al placebo ( 0.79 log10 c/mL vs 0.17 log10 c/mL; p inferiore a 0.0001 ).

Dopo una settimana di trattamento randomizzato in doppio cieco, tutti i pazienti hanno ricevuto Fostemsavir e un regime ottimizzato di background.

Il 54% dei pazienti nella coorte randomizzata hanno ottenuto una soppressione virologica ( inferiore a 40 c/mL ) dopo 24 settimane di trattamento con Fostemsavir in aggiunta a una terapia di background ottimizzata.

La maggior parte dei pazienti trattati con Fostemsavir ha presentato almeno un evento avverso riportato alla 24esima settimana.
Gli eventi maggiormente riportati in una scala di grado 2-4 sono stati: cefalea transitoria ( 2% ), diarrea ( 2% ), e nausea ( 4% ).

Gli eventi avversi totali e quelli gravi riportati nello studio BRIGHTE riflettono generalmente lo stato di malattia avanzata della popolazione in studio ( soggetti gravemente immunocompromessi con una mediana di linfociti CD4 = 80 cellule/mmc ).

Diciassette decessi si sono avuti entro la 24esima settimana: la maggior parte di questi è apparsa correlata alla progressione dell'AIDS.

BRIGHTE è un studio clinico di fase 3 in due coorti ( randomizzato e non-randomizzato ) che valuta la sicurezza e l'efficacia di Fostemsavir, inibitore dell' attachment del virus HIV-1, in pazienti adulti multitrattati con infezione da virus HIV-1.
I 371 pazienti arruolati avevano una documentata resistenza, intollerabilità e/o controindicazioni a tutti gli antiretrovirali in almeno quattro delle sei classi di farmaci antiretrovirali disponibili.
I pazienti nella coorte randomizzata dovevano avere da una a non più di due classi di farmaci antiretrovirali pienamente attive come base della terapia, e non erano in grado di formare un regolare regime antiretrovirale dai loro rimanenti agenti.
Questi pazienti sono stati randomizzati in un rapporto 3:1 per ricevere in cieco Fostemsavir o placebo ( n=272 ) in aggiunta agli attuali regimi che si erano mostrati fallimentari dopo 8 giorni di monoterapia.
I pazienti senza alcuna opportunità di trattamento con antiretrovirali approvati ( n=99 ) sono stati assegnati alla coorte non-randomizzata e hanno ricevuto in aperto Fostemsavir associato a terapia di background ottimizzata dal giorno 1.
L'obiettivo primario dello studio era rappresentato dalla variazione media del log10 HIV-1 RNA tra il giorno 1 e il giorno 8 nella coorte randomizzata.
Dopo 8 giorni di periodo in cieco, tutti i pazienti nella coorte randomizzata hanno ricevuto Fostemsavir in aperto associato a terapia di background ottimizzata.
Gli endpoint secondari comprendono la durata della risposta alle settimane 24, 48 e 96, oltre alla sicurezza e alla comparsa di resistenza virale. ( Xagena2017 )

Fonte: ViiV Healthcare, 2017

Inf2017 Farma2017


Indietro