GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Tecovirimat orale per il trattamento del vaiolo


Il vaiolo è stato dichiarato eradicato nel 1980, ma il virus Variola, che causa il vaiolo, è ancora esistente.
Non esiste un trattamento efficace noto per il vaiolo; pertanto, si sta sviluppando Tecovirimat ( TPOXX ) come terapia orale per il vaiolo.
Poiché gli studi clinici in un contesto di malattia naturale non sono possibili, è stato necessario un percorso di sviluppo alternativo per valutarne l'efficacia e la sicurezza.

È stata studiata l'efficacia di Tecovirimat in modelli di primati non-umani ( vaiolo delle scimmie ) e coniglio (vaiolo dei conigli) in accordo con la Food and Drug Administration ( FDA ) Animal Efficacy Rule.
È stato anche condotto uno studio di farmacocinetica e di sicurezza controllato con placebo che ha coinvolto 449 volontari adulti.

La dose minima di Tecovirimat necessaria per ottenere una sopravvivenza superiore al 90% nel modello di vaiolo delle scimmie è stata di 10 mg per chilogrammo ( kg ) di peso corporeo per 14 giorni e una dose di 40 mg per kg per 14 giorni è stata altrettanto efficace nel modello di vaiolo dei conigli.

Sebbene la dose efficace per kg fosse più alta nei conigli, l'esposizione è stata più bassa, con una concentrazione media massima, minima e media allo stato stazionario ( Cmax, Cmin e Cavg, rispettivamente ) di 374, 25 e 138 ng per ml, rispettivamente, nei conigli, e 1.444, 169 e 598 ng per ml nei primati non-umani, nonché un'area sotto la curva concentrazione-tempo su 24 ore ( AUC0-24hr ) di 3318 ng x ore per ml nei conigli e 14.352 ng x ore per ml nei primati non-umani.

Questi risultati hanno suggerito che il primate non-umano era il modello più conservativo per la stima dell'esposizione al farmaco richiesta negli esseri umani.
Una dose di 600 mg due volte al giorno per 14 giorni è stata selezionata per l'analisi nell'uomo e ha fornito esposizioni superiori a quelle nei primati non-umani ( Cmax, Cmin e Cavg allo stato stazionario medio di 2.209, 690 e 1.270 ng per ml e AUC0-24 ore di 30.632 ng x ore per ml ).
Non sono stati osservati eventi avversi preoccupanti.

In conclusione, sulla base della sua efficacia in due modelli animali e dei dati di farmacocinetica e di sicurezza nell'uomo, Tecovirimat è in fase avanzata come terapia per il vaiolo secondo l'FDA Animal Rule. ( Xagena2018 )

Grosenbach DW et al, N Engl J Med 2018; 379: 44-53

Inf2018 Med2018 Farma2018



Indietro