Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Tenofovir alafenamide vs Tenofovir disoproxil fumarato, co-formulati con Elvitegravir, Cobicistat ed Emtricitabina per il trattamento iniziale dell'infezione da HIV-1


Tenofovir disoproxil fumarato ( Viread ) può causare effetti tossici renali e ossei legati ad alte concentrazioni plasmatiche di Tenofovir.
Tenofovir alafenamide è un nuovo profarmaco di Tenofovir con una riduzione del 90% delle concentrazioni di Tenofovir nel plasma.
I regimi contenenti Tenofovir alafenamide possono avere una maggiore sicurezza renale e ossea rispetto ai regimi contenenti Tenofovir disoproxil fumarato.

In due studi controllati, in doppio cieco di fase 3, sono stati reclutati pazienti con infezione da HIV ( virus dell’immunodeficienza umana ), naive al trattamento, con una clearance della creatinina di 50 ml al minuto o superiore da 178 Centri ambulatoriali in 16 Paesi.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere compresse per via orale una volta al giorno contenenti 150 mg di Elvitegravir, 150 mg di Cobicistat, 200 mg di Emtricitabina e 10 mg di Tenofovir alafenamide ( E/C/F/ Tenofovir alafenamide ) o 300 mg di Tenofovir disoproxil fumarato ( E/C/F/ Tenofovir disoproxil fumarato ), con placebo abbinato.

La randomizzazione è stata stratificata per HIV-1 RNA, conta di CD4 e area ( USA o ex-USA ).

I ricercatori, i pazienti, il personale dello studio e i valutatori dei risultati non conoscevano il gruppo di trattamento.

Tutti i partecipanti che hanno ricevuto una dose del farmaco in studio sono stati inclusi nelle analisi primarie di efficacia e sicurezza intention-to-treat.

I principali risultati erano rappresentati da percentuale di pazienti con HIV-1 RNA inferiore a 50 copie per ml alla settimana 48 ( definito dall’algoritmo snapshot della FDA; margine di non-inferiorità pre-specificato del 12%) e dagli endpoint pre-specificati renali e ossei a 48 settimane.

Sono stati reclutati pazienti nell’anno 2013 ( 2.175 screening e 1.744 assegnati in modo casuale ) e il trattamento è stato somministrato a 1.733 pazienti ( 866 nel gruppo E/C/F/ Tenofovir alafenamide e 867 nel gruppo E/C/F/ Tenofovir disoproxil fumarato ).

Il regime E/C/F/ Tenofovir alafenamide è risultato non-inferiore a quello E/C/F/ Tenofovir disoproxil fumarato, con 800 ( 92% ) su 866 pazienti nel gruppo Tenofovir alafenamide e 784 ( 90% ) su 867 pazienti nel gruppo Tenofovir disoproxil fumarato con valori plasmatici di HIV-1 RNA inferiori a 50 copie per ml ( differenza aggiustata 2.0% ).

I pazienti trattati con E/C/F/ Tenofovir alafenamide hanno presentato aumenti medi della creatinina sierica significativamente inferiori a quelli indicati con E/C/F/ Tenofovir disoproxil fumarato ( 0.08 vs 0.12 mg/dl; P minore di 0.0001 ), significativamente inferiore proteinuria ( variazione percentuale mediana -3 vs 20; P minore di 0.0001 ), e una diminuzione significativamente minore della densità minerale ossea a livello della colonna ( variazione percentuale media -1.30 vs -2.86; P minore di 0.0001 ) e dell'anca ( -0.66 vs -2.95; P minore di 0.0001 ) a 48 settimane.

In 48 settimane, più del 90% dei pazienti trattati con il regime E/C/F/Tenofovir alafenamide o il regime E/C/F/Tenofovir disoproxil fumarato ha presentato successo virologico.

Gli effetti renali e ossei sono stati significativamente ridotti nei pazienti trattati con il regime E/C/F/ Tenofovir alafenamide.

Anche se questi studi non hanno il potere di valutare gli eventi clinici di sicurezza come l'insufficienza renale e le fratture, i dati hanno indicato che il regime E/C/F/ Tenofovir alafenamide ha un profilo favorevole a lungo termine di sicurezza renale e ossea. ( Xagena2015 )

Sax PE et al, Lancet 2015;385:2606-2615

Inf2015 Farma2015


Indietro