GSK Infettivologia
Forum Infettivologico
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Alto tasso di interruzione non-pianificata dei fluorochinoloni nelle infezioni delle protesi articolari


In uno studio, l'uso dei fluorochinoloni è risultato associato a un'interruzione non-pianificata del farmaco significativamente più elevata e a più eventi avversi tra i pazienti con infezioni di protesi articolari.

I fluorochinoloni sono stati ampiamente utilizzati nelle infezioni ossee e articolari a causa dell'elevata biodisponibilità, della copertura di organismi tipici e del dosaggio conveniente.
Tuttavia, il rilascio di avvertenze da parte delle Agenzie regolatorie ( FDA, EMA ), assieme a crescenti tassi di resistenza, ha portato molti medici a essere sempre più diffidenti nei confronti del loro impiego.

Poiché i fluorochinoloni sono attualmente raccomandati dalle linee guida per le infezioni delle protesi articolari, è stato valutato quanti pazienti fossero in grado di tollerare i fluorochinoloni nel lungo periodo a causa dei numerosi eventi avversi.

Sono stati valutati 156 pazienti adulti, 64 dei quali avevano un'artroplastica totale d'anca ( THA ) e 92 che avevano infezioni da artroplastica totale di ginocchio ( TKA ) che erano stati trattati per infezioni articolari periprotesiche da stafilococco con debridement, antibiotici e ritenzione dell'impianto nel periodo 2007-2019.

L'esito primario era il tasso di interruzione non-pianificata dell'antibatterico; gli esiti secondari includevano l'incidenza di eventi avversi gravi, l'interruzione non-pianificata della Rifamicina, il tempo medio per l'interruzione non-pianificata del regime terapeutico e la mortalità per qualsiasi causa.

Lo studio ha mostrato che l'interruzione non-pianificata del farmaco si è verificata nel 35.6% ( 32 su 90 ) dei pazienti che avevano ricevuto i fluorochinoloni e nel 3% ( 2 su 66 ) dei pazienti nel gruppo non-fluorochinolonico.
Inoltre, il tasso di interruzione non pianificata dei regimi a base di fluorochinoloni, rispetto a quello dei regimi non-fluorochinolonici, è stato del 27.5% versus 4.2% ( P = 0.021 ) nelle infezioni da THA ( anca ) e del 42% versus 2.4% ( P inferiore a 0.001 ) nelle infezioni da TKA ( ginocchio ).

Non è stata osservata alcuna differenza significativa negli eventi avversi gravi tra i regimi fluorochinolonici e non-fluorochinolonici nelle infezioni sia THA che TKA.
Il tasso complessivo di eventi avversi non-gravi tra il regime con fluorochinoloni rispetto ai regimi senza fluorochinoloni è stato del 43.3% versus 6.1% ( P inferiore a 0.001 ). ( Xagena2021 )

Fonte: Clinical Infectious Diseases, 2021

Inf2021 Orto2021 Farma2021


Indietro