Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Gastrobase.it

Azitromicina in aggiunta allo standard di cura versus il solo standard di cura nel trattamento dei pazienti ricoverati in ospedale con forma grave di COVID-19 grave: studio COALITION II


L'efficacia e la sicurezza dell'Azitromicina ( Zitromax ) nel trattamento della malattia COVID-19 rimangono incerte.
Si è valutato se l'aggiunta di Azitromicina allo standard di cura, che includeva l'Idrossiclorochina, migliorasse gli esiti clinici dei pazienti ricoverati in ospedale con forma grave di COVID-19.

È stato condotto uno studio clinico randomizzato in aperto presso 57 centri in Brasile. Sono stati arruolati pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 sospetta o confermata e almeno un ulteriore criterio di gravità come segue: uso di integrazione di Ossigeno con flusso superiore a 4 l/min; uso di cannule nasali ad alto flusso; utilizzo di ventilazione meccanica non-invasiva; o uso di ventilazione meccanica invasiva.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale ad Azitromicina 500 mg per somministrazione orale, nasogastrica o endovenosa una volta al giorno per 10 giorni più lo standard di cura o lo standard di cura senza macrolidi.
Tutti i pazienti hanno ricevuto Idrossiclorochina 400 mg due volte al giorno per 10 giorni perché faceva parte del trattamento standard di cura in Brasile per i pazienti con COVID-19 grave.

L'esito primario era lo stato clinico al giorno 15 dopo la randomizzazione, valutato con una scala ordinale a 6 punti, con livelli da 1 a 6 e punteggi più alti ad indicare una condizione peggiore ( odds ratio [ OR ] maggiore di 1.00 a favore del gruppo di controllo).

L'esito primario è stato valutato in tutti i pazienti nella popolazione intent-to-treat ( ITT ) con infezione da virus SARS-CoV2 confermata da test molecolari o sierologici prima della randomizzazione ( popolazione ITT modificata [ mITT ] ).
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti in base al trattamento ricevuto, indipendentemente dal gruppo di assegnazione originale.

Dal 28 marzo al 19 maggio 2020 sono stati arruolati 447 pazienti.
La malattia COVID-19 è stata confermata in 397 pazienti che costituivano la popolazione mITT, di cui 214 assegnati al gruppo Azitromicina e 183 al gruppo di controllo.

Nella popolazione mITT, l'endpoint primario non è risultato significativamente diverso tra il gruppo Azitromicina e il gruppo di controllo ( OR 1.36, P=0.11 ).

Le percentuali di eventi avversi, comprese aritmie ventricolari clinicamente rilevanti, arresto cardiaco rianimato, insufficienza renale acuta e prolungamento dell'intervallo QT corretto, non erano significativamente differenti tra i gruppi.

Nei pazienti con forma grave di COVID-19, l'aggiunta di Azitromicina al trattamento standard di cura che includeva l'Idrossiclorochina non ha migliorato gli esiti clinici.
I risultati non supportano l'uso di routine di Azitromicina in combinazione con Idrossiclorochina nei pazienti con COVID-19 grave. ( Xagena2020 )

Furtado RHM et al, Lancet 2020; 396: 959-967

Inf2020 Farma2020



Indietro