Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Mediexplorer.it

Colistina da sola versus Colistina più Meropenem nel trattamento di infezioni gravi causate da batteri Gram-negativi resistenti ai carbapenemi


Le combinazioni Colistina-carbapenemi sono sinergiche in vitro contro i batteri Gram-negativi resistenti ai carbapenemi.
Uno studio ha verificato se la terapia combinata migliori gli esiti clinici per gli adulti con infezioni causate da batteri Gram-negativi resistenti ai carbapenemi o che producono carbapenemasi.

Lo studio, randomizzato e controllato, di superiorità è stato condotto in sei ospedali in Israele, Grecia e Italia.
Sono stati inclusi adulti con batteriemia, polmonite associata a ventilazione, polmonite acquisita in ospedale o urosepsi causata da batteri Gram-negativi non-sensibili ai carbapenemi.
I pazienti sono stati assegnati casualmente a Colistina per via endovenosa ( dose di carico di 9 milioni di unità, seguita da 4.5 milioni di unità due volte al giorno ) o a Colistina con Meropenem ( 2 g in infusione prolungata tre volte al giorno ).

Il successo del trattamento è stato definito come sopravvivenza, stabilità emodinamica, punteggio SPFA ( Sequential Organ Failure Assessment ) migliorato o stabile, rapporto stabile o migliorato della pressione parziale dell'ossigeno arterioso con la frazione di ossigeno espirato per i pazienti con polmonite e guarigione microbiologica per i pazienti con batteriemia.

L'esito primario era il fallimento clinico, definito come non-raggiungimento di tutti i criteri di successo nell'analisi intention-to-treat, a 14 giorni dalla randomizzazione.

Tra il 2013 e il 2016, sono stati assegnati in modo casuale 406 pazienti ai due gruppi di trattamento.
La maggior parte dei pazienti presentava polmonite o batteriemia ( 355/406, 87% ) e la maggior parte delle infezioni era causata da Acinetobacter baumannii ( 312/406, 77% ).

Nessuna differenza significativa tra la monoterapia con Colistina ( 156/198, 79% ) e la terapia di associazione ( 152/208, 73% ) è stata osservata per il fallimento clinico 14 giorni dopo la randomizzazione ( differenza di rischio -5.7%, rapporto di rischio, RR=0.93 ).

I risultati sono stati simili tra i pazienti con infezioni da Acinetobacter baumannii ( RR=0.97 ).

La terapia di associazione ha aumentato l'incidenza di diarrea ( 56 pazienti, 27%, vs 32, 16% ) e ha diminuito l'incidenza di insufficienza renale lieve ( 37 pazienti a rischio o con danno renale su 124, 30%, vs 25 su 125, 20% ).

La terapia di combinazione non è risultata superiore alla monoterapia. L'aggiunta di Meropenem a Colistina non ha migliorato l'insuccesso clinico nelle infezioni gravi da Acinetobacter baumannii.
Lo studio era sottopesato riguardo alla valutazione di altri batteri. ( Xagena2018 )

Paul M et al, Lancet Infect Dis 2018; 18: 391-400

Inf2018 Farma2018


Indietro