Forum Infettivologico
Sinusite
Sinusiti Mascellari Odontogene
GSK Infettivologia

Effetto della terapia antitrombotica sugli esiti clinici nei pazienti ambulatoriali con COVID-19 sintomatico clinicamente stabile: studio ACTIV-4B


I pazienti ricoverati gravemente malati con COVID-19 ricevono in genere una terapia antitrombotica, sebbene non siano stati stabiliti i rischi e i benefici di questo intervento tra i pazienti ambulatoriali con COVID-19.

Si è valutato se la terapia anticoagulante o antipiastrinica possa ridurre in modo sicuro i principali esiti cardiopolmonari avversi tra i pazienti ambulatoriali sintomatici ma clinicamente stabili con COVID-19.

Lo ACTIV-4B Outpatient Thrombosis Prevention Trial è stato progettato come studio a contatto minimo, adattivo, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo per confrontare la terapia anticoagulante e antiaggregante tra 7.000 pazienti ambulatoriali sintomatici ma clinicamente stabili con COVID- 19.

Lo studio è stato condotto in 52 siti statunitensi tra settembre 2020 e giugno 2021; il follow-up finale è stato fatto in data 5 agosto 2021.
Prima di iniziare il trattamento, i partecipanti dovevano avere una conta piastrinica maggiore di 100.000/mm3 e una velocità di filtrazione glomerulare stimata maggiore di 30 ml/min/1.73 m2.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale ad Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] ( 81 mg per via orale una volta al giorno; n=164 ), Apixaban [ Eliquis ] a dose profilattica ( 2.5 mg per via orale due volte al giorno; n=165 ), Apixaban a dose terapeutica ( 5 mg per via orale due volte al giorno; n=164 ) oppure placebo ( n=164 ) per 45 giorni.

L'endpoint primario era un composito di mortalità per tutte le cause, tromboembolismo arterioso o venoso sintomatico, infarto miocardico, ictus o ospedalizzazione per cause cardiovascolari o polmonari.
Le analisi primarie per l'efficacia e gli eventi di sanguinamento sono state limitate ai partecipanti che hanno assunto almeno una dose del farmaco sperimentale.

Il 18 giugno 2021, il Comitato per il monitoraggio della sicurezza dello studio ha raccomandato la cessazione anticipata a causa di tassi di eventi inferiori al previsto; fino a quel momento, erano stati randomizzati 657 pazienti ambulatoriali sintomatici con COVID-19 ( età media, 54 anni; 59% donne ).

I tempi mediani dalla diagnosi alla randomizzazione e dalla randomizzazione all'inizio del trattamento in studio sono stati rispettivamente di 7 giorni e 3 giorni.
22 partecipanti randomizzati ( 3.3% ) sono stati ricoverati in ospedale per COVID-19 prima di iniziare il trattamento.

Tra i 558 pazienti che hanno iniziato il trattamento, l'endpoint composito primario si è verificato in 1 paziente ( 0.7% ) nel gruppo Aspirina, 1 paziente ( 0.7% ) nel gruppo Apixaban da 2.5 mg, 2 pazienti ( 1.4% ) nel gruppo Apixaban 5 mg e 1 paziente ( 0.7% ) nel gruppo placebo.

Le differenze di rischio rispetto al placebo per l'endpoint primario sono state 0.0% nel gruppo Aspirina, 0.7% nel gruppo Apixaban 2.5 mg e 1.4% nel gruppo Apixaban 5 mg.

Le differenze di rischio rispetto al placebo per gli eventi di sanguinamento sono state del 2.0%, 4.5% e 6.9% tra i partecipanti che hanno iniziato la terapia rispettivamente nei gruppi Aspirina, Apixaban profilattico e Apixaban terapeutico, sebbene nessuno fosse maggiore.
I risultati inclusivi di tutti i pazienti randomizzati sono stati simili.

Tra i pazienti ambulatoriali clinicamente stabili sintomatici con COVID-19, il trattamento con Aspirina o Apixaban rispetto al placebo non ha ridotto il tasso di un esito clinico composito.
Tuttavia, lo studio è stato interrotto dopo l'arruolamento del 9% dei partecipanti a causa di un tasso di eventi inferiore al previsto. ( Xagena2021 )

Connors JM et al, JAMA 2021; 326: 1703-1712

Inf2021 Cardio2021 Emo2021 Neuro2021 Farma2021


Indietro