Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Pneumobase.it

Effetto della terapia con plasma convalescente sul tempo al miglioramento clinico nei pazienti con COVID-19 grave e potenzialmente letale


Il plasma convalescente è una potenziale opzione terapeutica per i pazienti con malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ), ma sono necessari ulteriori dati da studi clinici randomizzati.

Sono stati valutati l'efficacia e gli effetti avversi della terapia con plasma convalescente per i pazienti con COVID-19 in una sperimentazione clinica randomizzata, multicentrica, in aperto, eseguita in 7 centri medici a Wuhan, Cina, dal 14 febbraio 2020 al 1 aprile 2020, con follow-up finale il 28 aprile 2020.

Lo studio ha incluso 103 partecipanti con malattia COVID-19 confermata in laboratorio che era grave ( distress respiratorio e/o ipossiemia ) o pericolosa per la vita ( shock, insufficienza d'organo o che richiedeva ventilazione meccanica ).
Lo studio è stato interrotto precocemente con l'arruolamento di 103 dei 200 pazienti previsti.

È stato confrontato il plasma convalescente in aggiunta al trattamento standard ( n=52 ) rispetto al solo trattamento standard ( controllo ) ( n=51 ), stratificando per gravità della malattia.

L'esito primario era il tempo al miglioramento clinico entro 28 giorni, definito come paziente dimesso vivo o riduzione di 2 punti su una scala di gravità della malattia a 6 punti ( con intervallo da 1, dimissione, a 6, morte ).
Gli esiti secondari includevano la mortalità a 28 giorni, il tempo alla dimissione e la velocità dei risultati della reazione a catena della polimerasi ( PCR ) virale da positivi al basale a negativi fino a 72 ore.

Su 103 pazienti randomizzati ( età media, 70 anni; 60 maschi, 58.3% ), 101 ( 98.1% ) hanno completato lo studio.

Il miglioramento clinico si è verificato entro 28 giorni nel 51.9% dei pazienti ( 27/52 ) nel gruppo plasma convalescente vs 43.1% ( 22/51 ) nel gruppo di controllo ( differenza, 8.8%; hazard ratio HR, 1.40; P=0.26 ).

Tra i soggetti con malattia grave, l'esito primario si è verificato nel 91.3% ( 21/23 ) del gruppo con plasma convalescente vs 68.2% ( 15/22 ) del gruppo di controllo ( HR, 2.15; P=0.03 ); tra i pazienti con malattia pericolosa per la vita l'esito primario si è verificato nel 20.7% ( 6/29 ) del gruppo plasma convalescente vs 24.1% ( 7/29 ) del gruppo di controllo ( HR, 0.88; P=0.83 ) ( P per interazione=0.17 ).

Non c'è stata alcuna differenza significativa nella mortalità a 28 giorni ( 15.7% vs 24.0%; OR, 0.59; P=0.30 ) o nel tempo dalla randomizzazione alla dimissione ( 51.0% vs 36.0% dimessi al giorno 28; HR, 1.61; P=0.12 ).

Il trattamento con plasma convalescente è stato associato a un tasso di conversione negativo della PCR virale a 72 ore nell'87.2% dei pazienti nel gruppo di plasma convalescente contro 37.5% nel gruppo di controllo ( OR, 11.39; P minore di 0.001 ).
In tutto 2 pazienti nel gruppo plasma convalescente hanno avuto eventi avversi entro poche ore dalla trasfusione che sono migliorati con la terapia di supporto.

Tra i pazienti con COVID-19 in forma grave o pericolosa per la vita, la terapia con plasma convalescente aggiunta al trattamento standard, rispetto al solo trattamento standard, non ha prodotto un miglioramento statisticamente significativo nel tempo al miglioramento clinico entro 28 giorni.
L'interpretazione è limitata dalla conclusione anticipata dello studio, che potrebbe essere stato sottodimensionato per rilevare una differenza clinicamente importante. ( Xagena2020 )

Li L et al, JAMA 2020; 324: 460-470

Inf2020 Med2020



Indietro