Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Infezioni protesiche da Candida


Le infezioni protesiche da Candida sono considerate rare. Un’analisi retrospettiva si è posta l’obiettivo di determinare l’incidenza di infezioni protesiche da Candida nel periodo compreso tra il 1995 e il 2007 in un Centro di riferimento terziario.

Sono stati identificati 7 pazienti, 4 con infezioni protesiche del ginocchio e dell’anca.

I più frequenti agenti fungini riscontrati erano: Candida albicans ( 4 casi ), Candida parapsilosis ( 2 casi ) e Candida guillermondii ( 1 caso ).

Tutti i pazienti sono stati sottoposti a trattamento antifungino per un periodo prolungato.

A 5 pazienti sono state rimosse le protesi e 3 hanno ricevuto un nuovo impianto, 1 paziente è stato trattato mediante debridement chirurgico e ritenzione della protesi, e l’ultimo paziente ha rifiutato l’intervento chirurgico.

Il tempo medio del periodo osservazionale è stato di 2.5 anni.

All’ultima valutazione, 3 pazienti sono stati considerati guariti, 3 pazienti hanno presentato un’infezione secondaria batterica che ha portato all’amputazione in 2 di loro; 1 paziente è morto per insufficienza cardiaca.

Durante le infezioni protesiche delle articolazioni da Candida, le caratteristiche epidemiologiche e la localizzazione delle protesi erano molto simili alle infezioni batteriche delle protesi.

La terapia antifungina elettiva rimane l’Amfotericina B ( Fungilin ) e/o Fluconazolo ( Diflucan ). ( Xagena2010 )

Dutronc H et al, Scand J Infect Dis 2010; Epub ahead of print


Inf2010 Chiru2010



Indietro