Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Isavuconazolo versus Voriconazolo nel trattamento primario delle malattie da muffe invasive causate da Aspergillus e altri funghi filamentosi


Isavuconazolo ( Cresemba ) è un nuovo triazolo con attività antifungina ad ampio spettro.
Lo studio SECURE ha valutato l'efficacia e la sicurezza di Isavuconazolo vs Voriconazolo ( Vfend ) nei pazienti con malattia da muffa invasiva.

Nello studio di fase 3, in doppio cieco, multicentrico, comparativo, i pazienti con sospetta malattia da muffa invasiva sono stati randomizzati, stratificando per area geografica, trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche e malattia maligna attiva al basale, a ricevere Isavuconazonio solfato 372 mg ( profarmaco; equivalente a 200 mg di Isavuconazolo; per via endovenosa tre volte al giorno nei giorni 1 e 2, poi per via endovenosa o per via orale una volta al giorno ) oppure Voriconazolo ( 6 mg/kg per via endovenosa due volte al giorno, al giorno 1, 4 mg/kg per via endovenosa due volte al giorno, al giorno 2, poi per via endovenosa 4 mg/kg due volte al giorno o per via orale 200 mg due volte al giorno dal giorno 3 in poi ).

È stata testata la non-inferiorità dell’endpoint primario di efficacia di mortalità per tutte le cause dalla prima dose del farmaco in studio al giorno 42 nei pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio ( popolazione intention-to-treat, ITT ) con un margine di non-inferiorità del 10%.
La sicurezza è stata valutata nei pazienti che hanno ricevuto la prima dose del farmaco in studio.

Tra il 2007 e il 2013, sono stati assegnati in modo casuale 527 pazienti adulti ( 258 per gruppo hanno ricevuto il farmaco in studio )

La mortalità per tutte le cause dalla prima dose del farmaco in studio al giorno 42 per la popolazione ITT è stata del 19% con Isavuconazolo ( n=48 ) e del 20% con Voriconazolo ( n=52 ), con una differenza di trattamento rettificata di -1.0%.

Poiché il limite superiore dell'intervallo di confidenza al 95% ( 5.7% ) non ha superato il 10%, la non-inferiorità è stata dimostrata.

La maggior parte dei pazienti ( 247, 96%, con Isavuconazolo e 255, 98%, con Voriconazolo ) ha presentato eventi avversi emergenti dal trattamento ( P=0.122 ); i più comuni sono stati disturbi gastrointestinali ( 174, 68%, vs 180, 69% ) e infezioni e infestazioni ( 152, 59%, vs 158, 61).
Le proporzioni di pazienti con eventi avversi emergenti per classe sistemica organica sono state simili complessivamente.

Tuttavia, i pazienti trattati con Isavuconazolo hanno presentato una minore frequenza di disturbi epatobiliari ( 23, 9%, vs 42, 16%; P=0.016 ), disturbi agli occhi ( 39, 15%, vs 69, 27%; P=0.002 ) e disturbi della pelle o del tessuto sottocutaneo ( 86, 33%, vs 110, 42%; P=0.037 ).
Eventi avversi correlati al farmaco sono stati riportati in 109 pazienti ( 42% ) trattati con Isavuconazolo e 155 ( 60% ) trattati con Voriconazolo ( P minore di 0.001 ).

Isavuconazolo è risultato non-inferiore a Voriconazolo per il trattamento primario di sospetta malattia da muffa invasiva.
Isavuconazolo è risultato ben tollerato rispetto a Voriconazolo, con un minore numero di eventi avversi legati al farmaco di studio.
I risultati supportano l'utilizzo di Isavuconazolo nel trattamento primario dei pazienti con malattia da muffa invasiva. ( Xagena2016 )

Maertens JA et al, Lancet 2016; 387: 760-769

Inf2016 Farma2016


Indietro