Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Gastrobase.it

Ivermectina come nuovo strumento complementare di controllo della malaria per ridurre incidenza e la prevalenza


L'Ivermectina ( Iverscab ) è un potenziale nuovo strumento di controllo dei vettori per ridurre la trasmissione della malaria.
Le zanzare che si nutrono di un pasto di sangue contenente Ivermectina hanno una durata di vita ridotta, il che significa che hanno meno probabilità di vivere abbastanza a lungo da completare la sporogonia e diventare infettive.
È stato stimato l'effetto dell'Ivermectina sulla trasmissione della malaria in vari scenari di utilizzo.

È stato validato un modello matematico esistente a livello di popolazione dell'effetto della somministrazione di farmaci di massa ( MDA ) con Ivermectina sulla popolazione di zanzare e sulla trasmissione della malaria rispetto a due set di dati: dati clinici da uno studio randomizzato a grappolo condotto in Burkina Faso nel 2015 in cui l'Ivermectina è stata somministrata a individui più alti di 90 cm e dati entomologici da uno studio sugli esiti delle zanzare dopo somministrazione MDA con Ivermectina per oncocercosi o filariosi linfatica in Burkina Faso, Senegal e Liberia tra il 2008 e il 2013.

È stato esteso il modello esistente per includere una serie di interventi complementari contro la malaria ( chemioprevenzione stagionale della malaria e somministrazione MDA con Diidroartemisinina - Piperachina ) e incorporare nuovi dati su dosi più elevate di Ivermectina con un effetto zanzaricida più lungo.

Sono stati considerati due regimi di Ivermectina: una singola dose di 400 mcg/kg ( 1 x 400 mcg/kg ) e tre dosi giornaliere consecutive di 300 mcg/kg al giorno ( 3 x 300 mcg/kg ).
È stato simulato l'effetto di queste due dosi in una serie di scenari di utilizzo in diverse impostazioni di trasmissione ( altamente stagionale, stagionale e perenne ).

Sono state riportate riduzioni percentuali nell'incidenza clinica e nella prevalenza sui vetrini.

Si stima che la somministrazione MDA con Ivermectina riduca la prevalenza e l'incidenza e sia più efficace nelle aree con trasmissione altamente stagionale.
In un contesto di trasmissione moderata altamente stagionale, si prevede che 3 cicli di somministrazione MDA con solo Ivermectina a 3 x 300 mcg/kg ( cicli distanziati di 1 mese ) e una copertura del 70% riducano l'incidenza clinica del 71% e la prevalenza del 34%.

Si prevede che l'aggiunta della somministrazione MDA con Ivermectina alla chemioprevenzione stagionale della malaria in questo contesto riduca l'incidenza clinica di un ulteriore 77% nei bambini di età inferiore ai 5 anni rispetto alla sola chemioprevenzione stagionale della malaria; l'aggiunta della somministrazione MDA con Ivermectina a somministrazione MDA con Diidroartemisinina - Piperachina in questo contesto ridurrebbe l'incidenza di un ulteriore 75% e la prevalenza di un ulteriore 64% a tutte le età rispetto alla somministrazione MDA con Diidroartemisinina-Piperachina da sola.

Le previsioni hanno indicato che l'Ivermectina potrebbe essere una preziosa aggiunta agli strumenti per il controllo della malaria, sia in aree con trasmissione persistentemente elevata dove gli interventi esistenti sono insufficienti, sia in aree che si avvicinano all'eliminazione per prevenirne la recrudescenza. ( Xagena2020 )

Slater HC et al, Lancet Infectious Diseases 2020; 20: 498-508

Inf2020



Indietro