Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Gastrobase.it

L9LS, un anticorpo monoclonale per via sottocutanea o endovenosa a basso dosaggio per prevenire la malaria


Sono necessari nuovi approcci per la prevenzione e l'eliminazione della malaria, una delle principali cause di malattia e morte tra i neonati e i bambini piccoli a livello globale.

È stato condotto uno studio clinico di fase 1 per valutare la sicurezza e la farmacocinetica di L9LS, un anticorpo monoclonale antimalarico di nuova generazione, e la sua efficacia protettiva contro l'infezione da malaria umana controllata in adulti sani che non avevano mai avuto la malaria o che non erano stati vaccinati per la malaria.

I partecipanti hanno ricevuto L9LS per via endovenosa o sottocutanea alla dose di 1 mg, 5 mg o 20 mg per chilogrammo di peso corporeo.
Entro 2-6 settimane dopo la somministrazione di L9LS, sia i partecipanti che hanno ricevuto L9LS che i partecipanti di controllo sono stati sottoposti a un'infezione da malaria umana controllata in cui sono stati esposti a zanzare portatrici di Plasmodium falciparum ( ceppo 3D7 ).

Non sono stati identificati problemi di sicurezza. L9LS aveva un'emivita stimata di 56 giorni e aveva linearità della dose, con la concentrazione sierica massima ( Cmax ), media, più alta pari a 914.2 microg per millilitro osservata nei partecipanti che avevano ricevuto 20 mg per chilogrammo per via endovenosa e la Cmax media più bassa pari a 41.5 microg per millilitro osservata in coloro che avevano ricevuto 1 mg per kg per via endovenosa; la Cmax media era 164.8 microg nei partecipanti che avevano ricevuto 5 mg per kg per via endovenosa e 68.9 microg in quelli che avevano ricevuto 5 mg per kg per via sottocutanea.

In totale 17 destinatari di L9LS e 6 partecipanti di controllo sono stati sottoposti a un'infezione da malaria umana controllata.
Dei 17 partecipanti che hanno ricevuto una singola dose di L9LS, 15 ( 88% ) sono risultati protetti dopo un'infezione controllata da malaria umana.

La parassitemia non si è sviluppata in nessuno dei partecipanti che hanno ricevuto 5 o 20 mg per kg di L9LS per via endovenosa.
La parassitemia si è sviluppata in 1 dei 5 partecipanti che hanno ricevuto 1 mg per kg per via endovenosa, 1 dei 5 partecipanti che hanno ricevuto 5 mg per kg per via sottocutanea e tutti e 6 i partecipanti di controllo per 21 giorni dopo l'infezione da malaria umana controllata.

La protezione conferita da L9LS è stata osservata a concentrazioni sieriche fino a 9.2 microg per millilitro.

In questo piccolo studio, L9LS somministrato per via endovenosa o per via sottocutanea ha protetto i pazienti contro la malaria dopo un'infezione controllata, senza evidenti problemi di sicurezza. ( Xagena2022 )

Wu RL et al, N Engl J Med 2022; 387: 397-407

Inf2022 Farma2022



Indietro