Gsk Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

La Micafungina non migliora la sopravvivenza libera da infezioni fungine negli adulti con sepsi e sospetta infezione fungina


Il trattamento con Micafungina ( Mycamine ) nei pazienti con sepsi acquisita nell’Unitià di terapia intensiva ( UTI ), e sospetta infezione fungina, non ha migliorato la sopravvivenza libera da infezioni fungine.

Nonostante lo sviluppo di farmaci efficaci e più sicuri, la candidiasi invasiva e la candidemia rimangono associati a elevata e crescente mortalità, in particolare quando complicata da shock settico.
Nonostante la mancanza di dati basati sulla evidenza, l'8% dei pazienti in terapia intensiva senza documentata infezione da Candida riceve farmaci antifungini.

Lo studio EMPIRICUS ( Empirical Antifungal Treatment in ICUS ) ha valutato la terapia empirica guidata dalla colonizzazione nei pazienti critici a rischio di candidiasi invasiva.
Sono stati coinvolti 260 pazienti critici con sepsi acquisita in UTI e con multipli siti di colonizzazione da Candida da 19 Unità di terapia intensiva in Francia nel periodo 2012-2015.
L'età media dei pazienti era di 63 anni, e il 65% era di sesso maschile.

L'endpoint primario era la sopravvivenza a 28 giorni senza infezione fungina invasiva, e gli endpoint secondari comprendevano la sopravvivenza a 28 e 90 giorni, con nuove infezioni fungine, insufficienza d'organo, livello sierico di (1-3)-beta-D-glucano [ BDG ] e polmonite batterica associata a ventilazione.

Dei 251 pazienti nell'analisi intent-to-treat, 128 sono stati assegnati in modo casuale a Micafungina e 123 a placebo.
Il punteggio mediano SOFA ( Sequential Organ Failure Assessment ) era 8, il numero mediano di siti colonizzati da Candida erano tre, e il livello mediano di (1-3)-beta-D-glucano era 99 pg/mL.

Ottanta-due ( 68% ) pazienti nel gruppo Micafungina erano vivi e liberi da infezioni fungine al giorno 28, rispetto a 79 ( 60.2% ) nel gruppo placebo ( hazard ratio, HR=1.35; IC 95%, 0.87-2.08 ).

I pazienti con un livello di (1-3)-beta-D-glucano maggiore di 80 pg/mL hanno presentato risultati simili ( n=175; HR=1.41; IC 95%, 0.85-2.33 ).

La sopravvivenza libera da infezione fungina a 28 giorni tra i pazienti con un alto punteggio di insufficienza d'organo non è risultata significativamente differente tra i gruppi Micafungina e placebo ( HR=1.69; IC 95%, 0.96-2.94 ).

La Micafungina ha ridotto il tasso di nuove infezioni fungine in 4 ( 3% ) pazienti, rispetto al placebo ( 12%; P= 0.008 ). ( Xagena2016 )

Fonte: JAMA, 2016

Inf2016 Farma2016


Indietro