Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Sinusite
Sinusiti Mascellari Odontogene

La terapia del microbioma orale ha il potenziale di ridurre l'infezione ricorrente da Clostridium difficile


Secondo i risultati di uno studio di fase 3, una terapia sperimentale per il microbioma orale è risultata superiore al placebo nel ridurre il rischio di infezioni ricorrenti da Clostridium difficile tra i pazienti con tre o più episodi.

Lo studio ECOSPOR III in doppio cieco, randomizzato e controllato con placebo ha valutato SER-109, che è composto da spore batteriche di Firmicutes vive purificate.

Si stima che l'infezione da Clostridium difficile sia associata a oltre 460.000 casi di malattia e 20.000 decessi ogni anno negli Stati Uniti.

Gli esiti clinici rimangono non-ottimali perché le attuali terapie non affrontano aspetti fondamentali della patogenesi della malattia ( ciclo di vita del patogeno in due fasi ).
La Vancomicina ( Levovanox ) e la Fidaxomicina ( Dificlir ) portano al sollievo dei sintomi uccidendo i batteri Clostridium difficile produttori di tossine che causano infiammazione del colon e diarrea debilitante.
Tuttavia, gli antibiotici non uccidono le spore del Clostridium difficile, che possono germinare rapidamente in batteri vegetativi produttori di tossine dopo l'interruzione del trattamento.

Per lo studio, sono stati arruolati pazienti adulti con tre o più episodi di infezione da Clostridium difficile in 12 mesi e li hanno assegnati in modo casuale in un rapporto 1:1 a ricevere SER-109 oppure placebo dopo il trattamento antibiotico standard.

L'obiettivo primario di efficacia era mostrare la superiorità di SER-109 rispetto al placebo nel ridurre il rischio di recidiva dell'infezione da Clostridium difficile fino a 8 settimane dopo il trattamento.

Tra i 182 partecipanti, il 12% nel braccio trattamento e il 40% nel braccio placebo presentava recidiva di Clostridium difficile ( RR = 0.32; IC 95, 0.18-0.58 ).
Lo studio ha dimostrato che SER-109 ha portato a una recidiva di Clostridium difficile meno frequente rispetto al placebo in un'analisi stratificata in base all'età ( RR = 0.24; IC 95%, 0.07-0.78 per i pazienti di età inferiore ai 65 anni e RR = 0.36; IC 95%, 0.18-0.72 per quelli di età pari o superiore a 65 anni ) e per antibiotico ricevuto ( RR = 0.41; IC 95%, 0.22-0.79 con Vancomicina e RR = 0.09; IC 95%, 0.01-0.63 con Fidaxomicina ).

La maggior parte degli eventi avversi segnalati dai pazienti erano da lievi a moderati, ed erano di natura gastrointestinale, con numeri simili nei due gruppi.

Gli esiti clinici nell'infezione ricorrente da Clostridium difficile possono essere migliorati utilizzando un duplice approccio terapeutico: antibiotici per uccidere i batteri produttori di tossine seguiti da un microbioma terapeutico per inibire la germinazione delle spore di Clostridium difficile e la replicazione batterica attraverso il ripristino del microbioma.
In questo studio, SER-109 è risultato superiore al placebo nel ridurre il rischio di recidiva dell'infezione da Clostridium difficile. ( Xagena2021 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2021

Inf2021 Gastro2021 Farma2021


Indietro