XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa
Neurobase.it

L'iperglicemia è un fattore di rischio indipendente di mortalità da COVID-19


Anche negli individui che non hanno il diabete, l'iperglicemia è un fattore di rischio indipendente per la mortalità da malattia di coronavirus 2019 ( COVID-19 ) dopo 28 giorni di ricovero.

Dall'inizio della pandemia, il diabete mellito è stato uno dei fattori di rischio più importanti potenzialmente risultanti in gravi esiti per coloro che contraggono COVID-19.
Tuttavia, l'iperglicemia da sola è associata a un elevato rischio di mortalità nella polmonite acquisita in comunità, ictus, infarto miocardico acuto, trauma e intervento chirurgico.

Precedenti studi avevano dimostrato che l'iperglicemia era un fattore di rischio per l'alta morbilità e mortalità in coloro che avevano contratto la sindrome respiratoria acuta grave ( SARS ) e la sindrome respiratoria del Medio Oriente ( MERS ), mentre la maggior parte dei pazienti COVID-19 sono inclini a disturbi metabolici del glucosio.

In uno studio retrospettivo, i ricercatori hanno valutato la relazione tra glicemia a digiuno ( FBG ) e la mortalità a 28 giorni nei pazienti COVID-19.
In totale, i dati di 605 pazienti ricoverati in 2 ospedali a Wuhan, in Cina, tra il 24 gennaio e il 10 febbraio 2020, sono stati inclusi nello studio.

Oltre ai risultati per il periodo di 28 giorni, sono stati analizzati i dati demografici e clinici, le complicanze in ospedale e i punteggi CRB-65.
CRB-65 è una misurazione utilizzata per valutare la gravità della polmonite in base a 4 indicatori: confusione, frequenza respiratoria, pressione arteriosa sistolica o diastolica ed età.

Tutti i pazienti inclusi non avevano alcuna diagnosi precedente di diabete e presentavano infezioni confermate in laboratorio di COVID-19.
Tutti i pazienti avevano anche ricevuto un trattamento standard, tra cui terapia antivirale, supporto respiratorio, trattamento sintomatico e di supporto e terapia antimicrobica, se necessario.

Dopo 28 giorni, tutti i partecipanti sono stati dimessi, sono rimasti in ospedale o sono deceduti ( 114 [ 18.8% ] ).
Duecentotrentasette ( 39.2% ) hanno sviluppato una o più complicanze ospedaliere tra cui la sindrome da distress respiratorio acuto ( ARDS ), lesioni cardiache acute, lesioni renali acute, lesioni epatiche acute, incidenti cerebrovascolari, coagulopatia e infezione secondaria.

L'età media dei pazienti era di 59 anni e la maggioranza ( 53.2% ) era composta da uomini, mentre l'ipertensione era la comorbidità più comunemente riportata al momento del ricovero.
I pazienti sono stati classificati in base ai loro livelli di glucosio: pazienti con FBG inferiore a 6.1 mmol/l ( n = 329 [ 54.4% ] ), FBG di 6.1–6.9 mmol/l ( n = 100 [ 16.5% ] ) e FBG maggiore o uguale a 7.0 mmol/l ( n = 176 [ 29.1% ] ).

Dall'analisi di regressione multivariata di Cox è emerso:

l'età ( hazard ratio [ HR ] 1.02 [ IC 95%, 1.00-1.04 ] ), il sesso maschile ( HR=1.75 [ IC 95%, 1.17-2.60 ] ), il punteggio CRB-65 1–2 ( HR=2.68 [ IC 95%, 1.56-4.59 ] ), il punteggio CRB-65 3-4 ( HR=5.25 [ IC 95%, 2.05-13.43 ] ) e FBG maggiore o uguale a 7.0 mmol/l ( HR=2.30 [ IC 95%, 1.49-3.55 ] ) erano predittori indipendenti di mortalità a 28 giorni;

l'odds ratio ( OR ) per le complicazioni in ospedale a 28 giorni in quelli con FBG maggiore o uguale a 7.0 mmol/l e 6.1–6.9 mmol/l versus minore di 6.1 mmol/l era 3.99 ( IC 95%, 2.71-5.88 ) o 2.61 ( IC 95%, 1.64-4.41 ), rispettivamente;

il numero di pazienti che hanno avuto complicanze entro 28 giorni nei gruppi FBG minore di 6.1 mmol/l, 6.1–6.9 mmol/l e maggiore o uguale a 7.0 mmol/l era 86 ( 14.2% ), 48 ( 7.9% ) e 103 ( 17.0% ), rispettivamente.

Questo studio ha mostrato per la prima volta che l'elevato valore della glicemia a digiuno ( maggiore o uguale a 7.0 mmol/l ) al momento del ricovero è associato in modo indipendente a un aumento della mortalità a 28 giorni e a percentuali di complicanze ospedaliere nei pazienti COVID-19 senza precedente diagnosi di diabete mellito.

I ricercatori hanno ipotizzato che i pazienti affetti da COVID-19 possano sperimentare iperglicemia da stress, mentre i pazienti in condizioni critiche possono sviluppare insulino-resistenza, che si manifesta con iperglicemia e iperinsulinemia. ( Xagena2020 )

Fonte: Diabetologia, 2020

Endo2020 Inf2020



Indietro