Gsk Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Risultati promettenti per la Rifampicina ad alto dosaggio nel trattamento della tubercolosi farmaco-sensibile


Uno studio ha mostrato che la Rifampicina ( Rifadin ) alla dose di 35 mg/kg era sicura nel trattamento dei pazienti affetti da tubercolosi, e ha prodotto una conversione colturale più rapida nei medium liquidi.

La tubercolosi rappresenta la principale malattia infettiva ad esito fatale nel mondo.
Gli attuali regimi di trattamento durano almeno 6 mesi. Per eradicare la malattia farmaco-sensibile sono necessari regimi più efficaci, di più breve durata, e più sicuri.

La dose standard di Rifampicina ( 10 mg/kg ) fu scelta nel 1960, e il costo della terapia ebbe un ruolo non-secondario.
Diversi studi effettuati su modelli murini hanno dimostrato che dosi più elevate di Rifampicina possono accelerare la cura. Questi dati sperimentali sono stati confermati in studi clinici.

E’ stato condotto uno studio, randomizzato e controllato, in aperto, su 365 pazienti con tubercolosi non-trattata in Sud Africa e Tanzania.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a diversi bracci di trattamento: Rifampicina ( 35 mg/kg ), Isoniazide, Pirazinamide ed Etambutolo ( n= 63 ); Rifampicina ( 20 mg/kg ) più Isoniazide, Pirazinamide e SQ109 ( n=57 ); Rifampicina ( 10 mg/kg ) più Isoniazide, Pirazinamide e SQ109 ( n=59 ); Rifampicina ( 10 mg/kg ) più Isoniazide, Pirazinamide e Moxifloxacina ( n=63 ); oppure un braccio di controllo ( n=123 ).
La terapia di controllo comprendeva Rifampicina ( 10 mg/kg ), Isoniazide ( 5 mg/kg ), Pirazinamide ( 25 mg/kg ) ed Etambutolo ( 15-20 mg/kg ) per 8 settimane, seguite da Rifampicina e Isoniazide per 18 settimane.

L'arruolamento nei due bracci assegnati a SQ109 è stato chiuso precocemente perché nell’analisi ad interim non era stata raggiunta la soglia di efficacia prevista dallo studio.
Il gruppo assegnato a 35 mg/kg di Rifampicina ha presentato un tempo mediano di conversione della coltura di 48 giorni in mezzi liquidi, rispetto ai 62 giorni nel gruppo controllo ( hazard ratio, HR=1.78; IC 95%, 1.22-2.58 ).
Nessun altro braccio sperimentale ha mostrato un tempo di conversione della coltura più veloce rispetto al gruppo di controllo.

Tutti i bracci dello studio avevano tempi di conversione della coltura simili nei terreni solidi.

Quarantacinque pazienti ( 12% ) hanno riportato eventi avversi di grado 3 o superiore. Un paziente nel braccio Rifampicina 35 mg/kg è deceduto 13 settimane dopo la conclusione del trattamento; questo paziente si era lamentato di dolori al petto nelle ore precedenti la morte e la morte potrebbe non essere correlata alla Rifampicina.
Undici pazienti hanno presentato fallimento del trattamento, con un solo fallimento che si è verificato nel braccio Rifampicina 35 mg/kg. ( Xagena2016 )

Fonte: The Lancet Infectious Diseases, 2016

Pneumo2016 Inf2016 Farma2016


Indietro