Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net
Medical Meeting

Terapia a più lungo termine per i sintomi attribuiti alla malattia di Lyme


Il trattamento dei sintomi persistenti attribuiti alla malattia di Lyme rimane controverso.
Si è valutato se il trattamento antibiotico a lungo termine dei sintomi persistenti attribuiti alla malattia di Lyme porti a risultati migliori di quanto non faccia il trattamento a breve termine.

In uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo, condotto in Europa, sono stati assegnati i pazienti con sintomi persistenti attribuiti alla malattia di Lyme, sia correlati temporalmente a malattia di Lyme provata, sia accompagnati da un saggio immunoblot positivo di IgG o IgM per Borrelia burgdorferi, a ricevere un ciclo di 12 settimane orale di Doxiciclina, Claritromicina più Idrossiclorochina, o placebo.

Tutti i gruppi di studio hanno ricevuto in aperto Ceftriaxone per via endovenosa per 2 settimane prima di iniziare il regime randomizzato.

L'esito primario era la salute connessa alla qualità di vita, come valutato dalla componente fisica del punteggio RAND-36 Health Status Inventory ( RAND SF-36 ) ( range da 15 a 61, con i punteggi più alti che indicano una migliore qualità di vita ), al termine del periodo di trattamento alla settimana 14, dopo aver completato il ciclo di 2 settimane con Ceftriaxone e il ciclo di 12 settimane con il farmaco in studio randomizzato oppure con placebo.

Dei 281 pazienti sottoposti a randomizzazione, 280 sono stati inclusi nella analisi intention-to-treat modificata ( 86 pazienti nel gruppo Doxiciclina, 96 nel gruppo Claritromicina - Idrossiclorochina, e 98 nel gruppo placebo ).

Il punteggio della componente fisica SF-36 non ha mostrato differenze significative tra i tre gruppi di studio al termine del periodo di trattamento, con punteggi medi di 35.0 nel gruppo Doxiciclina, 35.6 nel gruppo Claritromicina - Idrossiclorochina, e 34.8 nel gruppo placebo ( P=0.69; differenza di 0.2 nel gruppo Doxiciclina rispetto al gruppo trattato con placebo e differenza di 0.9 nel gruppo Claritromicina - Idrossiclorochina rispetto al gruppo trattato con placebo ); il punteggio, inoltre, non ha mostrato differenze significative tra i gruppi in successive visite di studio ( P=0.35 ).

In tutti i gruppi di studio, il punteggio della componente fisica SF-36 è aumentato significativamente dal basale alla fine del periodo di trattamento ( P minore di 0.001 ).

I tassi di eventi avversi sono risultati simili tra i gruppi di studio.
4 eventi avversi gravi ritenuti collegati all’assunzione del farmaco si sono verificati durante la fase di 2 settimane con Ceftriaxone in aperto, e non si è verificato alcun grave evento avverso correlato al farmaco durante la fase randomizzata di 12 settimane.

In conclusione, nei pazienti con sintomi persistenti attribuiti alla malattia di Lyme, il trattamento antibiotico a lungo termine non ha avuto effetti benefici aggiuntivi sulla qualità di vita connessa alla salute al di là di quelli con il trattamento a breve termine. ( Xagena2016 )

Berende A et al, N Engl J Med 2016; 374: 1209-1220

Inf2016 Farma2016


Indietro