Forum Infettivologico
GSK Infettivologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Uso di farmaci antinfiammatori non-steroidei ed esiti di COVID-19 nella coorte ISARIC Clinical Characterisation Protocol del Regno Unito


All'inizio della pandemia era stato ipotizzato che l'uso preesistente di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) potesse portare a un aumento della gravità della malattia nei pazienti con COVID-19.
I FANS presentano un importante effetto analgesico, in particolare nei soggetti affetti da malattie reumatologiche, e sono ampiamente disponibili al pubblico senza prescrizione medica.

Prove provenienti da studi di comunità, dati amministrativi e piccoli studi su pazienti ospedalizzati hanno indicato che i FANS non sono associati a esiti di COVID-19 peggiori.
È stata caratterizzata la sicurezza dei FANS e si è determinato se l'uso preesistente di FANS fosse associato a una maggiore gravità della malattia COVID-19.

Uno studio prospettico di coorte multicentrico ha incluso pazienti di qualsiasi età ricoverati in ospedale con un'infezione da virus SARS-CoV-2 confermata o altamente sospetta che ha portato a COVID-19 nel periodo compreso tra il 17 gennaio e il 10 agosto 2020.

L'esito primario era la mortalità intraospedaliera e gli esiti secondari erano la gravità della malattia al momento della presentazione, il ricovero in terapia intensiva, la ricezione di ventilazione invasiva, la ricezione di ventilazione non-invasiva, l'uso di Ossigeno supplementare e il danno renale acuto.

L'uso di FANS doveva essere effettuato entro le 2 settimane prima del ricovero ospedaliero.
Sono stati stimati gli effetti dei FANS e sono state corrette le variabili confondenti.
È stato utilizzato l'accoppiamento per punteggio di propensione per stimare ulteriormente gli effetti dei FANS tenendo conto delle differenze delle covariate nelle popolazioni.

Tra il 17 gennaio e il 10 agosto 2020, sono stati arruolati 78.674 pazienti in 255 strutture sanitarie in Inghilterra, Scozia e Galles.
72.179 pazienti avevano esiti di morte disponibili per l'appaiamento; 40.406 su 71.915 ( 56.2% ) erano uomini, 31.509 ( 43.8% ) erano donne.
In questa coorte, sono stati registrati 4.211 pazienti ( 5.8% ) che assumevano FANS sistemici prima del ricovero in ospedale.

A seguito dell'appaiamento per punteggio di propensione, sono stati ottenuti gruppi bilanciati di utilizzatori di FANS e non-utilizzatori di FANS ( 4.205 pazienti in ciascun gruppo ). Al ricovero ospedaliero, non sono state osservate differenze significative di gravità tra i gruppi di esposizione.

Dopo aggiustamento per variabili esplicative, l'uso di FANS non è stato associato a una peggiore mortalità intraospedaliera ( odds ratio, OR=0.95; P=0.35 ), ricovero in terapia intensiva ( OR=1.01; P=0.89 ), necessità di ventilazione invasiva ( OR=0.96; P=0.69 ), necessità di ventilazione non-invasiva ( OR=1.12; P=0.14 ), necessità di Ossigeno ( OR=1.00; P=0.97 ), o insorgenza di danno renale acuto ( OR=1.08; P=0.33 ).

L'uso di FANS non è associato a una mortalità più elevata o a una maggiore gravità di COVID-19.
I responsabili politici dovrebbero prendere in considerazione la revisione dei consigli emessi sulla prescrizione di FANS e sulla gravità di COVID-19. ( Xagena2021 )

Drake TM et al, Lancet Rheumatology 2021; 3: 498-506

Reuma2021 Inf2021 Farma2021


Indietro