modelli e strategie decisionali
Gastroenterologia.net
Neurologia
Reumatologia

Azitromicina può aumentare il rischio di morte cardiaca


L'uso di un comune antibiotico, Azitromicina ( Zitromax ), sembra aumentare significativamente il rischio di morte cardiaca improvvisa rispetto a nessun trattamento antibiotico, secondo un’analisi dei dati provenienti da pazienti Medicaid.

Rispetto a nessun trattamento antibiotico, l'hazard ratio ( HR ) per la mortalità cardiovascolare nel corso di un ciclo di 5 giorni di Azitromicina, un antibiotico macrolide, è stato pari a 2.88 ( P inferiore a 0.001 ), secondo un gruppo di ricercatori della Vanderbilt University di Nashville.

Confrontato con un altro antibiotico comune, Amoxicillina ( Velamox ), l'hazard ratio per la mortalità cardiovascolare è stato pari a 2.49 ( P=0.002 ) per l'Azitromicina.

L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ) ha annunciato che revisionerà i risultati di questo studio e provvederà a comunicare ogni nuova informazione che risulterà dalla sua revisione.
L’FDA ha anche avvertito che i pazienti che assumono il farmaco non devono smettere di assumerlo senza prima averne parlato con il proprio medico curante.

L’Azitromicina può prolungare l'intervallo QT e causare aritmie anche gravi, talora fatali.

Altri due antibiotici macrolidi, Eritromicina ( Eritrocina ) e Claritromicina ( Klacid ), sono noti per aumentare il rischio di eventi cardiaci, come aritmie ventricolari e morte cardiaca improvvisa, ma l’Azitromicina non era stata associata a rischio cardiovascolare. Tuttavia, ci sono state sempre più segnalazioni di eventi quali torsioni di punta con questo antibiotico.

È stata analizzata la mortalità tra i partecipanti al programma Medicaid del Tennessee, guardando in particolare ai decessi tra i pazienti trattati con Azitromicina nel periodo 1992-2006.
Come confronto, sono stati analizzati anche i decessi tra controlli appaiati a cui non erano stati dati antibiotici, e tra quelli trattati con Amoxicillina e Ciprofloxacina ( Ciproxin ), che si ritiene abbiano poco o nessun rischio cardiovascolare, e Levofloxacina ( Levoxacin ), che si ritiene sia proaritmogena.

Durante il periodo di studio, ci sono state 347.795 prescrizioni per Azitromicina, 1.348.672 per Amoxicillina, 264.626 per Ciprofloxacina e 193.906 per Levofloxacina.
Il gruppo controllo era composto da 1.391.180 soggetti a cui non erano stati prescritti antibiotici.

Tre quarti di coloro che hanno ricevuto Azitromicina erano donne, di età media 49 anni.

Durante il ciclo di 5 giorni di trattamento con Azitromicina 29 persone sono morte per cause cardiovascolari, di cui 22 per morte cardiaca improvvisa. Di conseguenza, i tassi per 1 milione di cicli di antibiotici sono stati 85.2 e 64.6, rispettivamente, per tutte le morti cardiovascolari e le morte cardiache improvvise.

Nel gruppo controllo ( persone non trattate con un antibiotico ) i tassi per milione per un periodo di 5 giorni sono stati, rispettivamente, di 29.8 e 24.

Rispetto a nessun trattamento antibiotico, l'impiego di Azitromicina è risultato associato anche a un aumentato rischio di morte per qualsiasi causa ( HR=1.85, P=0.002 ).

Il confronto di un ciclo di 5 giorni di Azitromicina con i primi 5 giorni di un ciclo di Amoxicillina ha mostrato un aumento del rischio di morte per cause cardiovascolari ( HR=2.49, P=0.002 ) e mortalità per qualsiasi causa ( HR=2.02, P=0.005 ) per il macrolide.

Un ciclo di 10 giorni di Ciprofloxacina non è stato associato a un aumento del rischio di mortalità se confrontato con Amoxicillina, ma quando un ciclo di 5 giorni di Azitromicina è stato confrontato con i primi 5 giorni di un ciclo di Ciprofloxacina, l'hazard ratio per morte cardiovascolare è stato pari a 3.49 ( P=0.01 ).

E’ stato anche osservato un trend verso un aumento della mortalità cardiovascolare per Levofloxacina, con un hazard ratio di 1.50 ( P=0.18 ).

I dati sono stati ulteriormente analizzati in base ai punteggi di rischio che riflettono le comorbidità dei pazienti e sono state trovate 245 morti aggiuntive per cause cardiovascolari per ogni milione di cicli di Azitromicina tra i pazienti nel più alto decile di rischio.

Secondo gli Autori, l’Azitromicina è associata a un piccolo aumento assoluto del numero di decessi cardiovascolari. ( Xagena2012 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2012


Inf2012 Cardio2012 Farma2012


Indietro